Home » Comunicazione Digitale » Social Media » Come creare e ottimizzare le bacheche di Pinterest

Come creare e ottimizzare le bacheche di Pinterest

come_creare_bacheche_pinterest

Creare e ottimizzare le bacheche di Pinterest è il primo passo per utilizzare una piattaforma che continua ad avere successo, ma di sicuro aiuta i negozi online e i blog – be’, ha successo proprio per questo, credo.

Infatti, e questo è un punto sul quale sono tornata spesso, Pinterest è una buona fonte di traffico per i siti web: a differenza di altri social network, garantisce un numero minimo di visite anche quando viene trascurato per un po’ – cosa che, in ogni caso, non è da farsi!

Senza volerti spaventare, Pinterest è un po’ come la matematica: funziona se è ordinato. Rilassati, non devi fare calcoli, però mettere in ordine le bacheche sì. Pinterest è come una sorta di motore di ricerca: gli utenti trovano i tuoi contenuti anche attraverso semplici ricerche per parole chiave.

La buona notizia è che comprendere le intenzioni degli utenti di Pinterest è più semplice che comprendere le medesime intenzioni su Google. Ragion per cui, creare delle bacheche, ottimizzarle nel tempo è piuttosto semplice, garantisce quasi subito buoni risultati che perdurano, in genere.

Vediamo come fare passo passo.

Come creare le bacheche di Pinterest

Per creare le bacheche di Pinterest basta andare nel tuo profilo e fare tap sulla croce che hai a destra dello schermo da desktop e in basso nell’app mobile. Selezionando la voce Bacheca, ti si apre la schermata per compilare il campo Nome dell’album.

Gli elementi fondamentali di una bacheca sono 3:

  • il nome;
  • i collaboratori;
  • il pubblico.

Primo passo, come è ovvio, dai un nome alla bacheca. In secondo luogo, aggiungi collaboratori, quindi altre persone che possono arricchirla di Pin. Infine, puoi stabilire se vuoi una bacheca pubblica o privata.

Naturalmente, le bacheche devono essere pubbliche perché i contenuti possano essere visti da più persone è possibile. Tuttavia, ci sono dei casi in cui fa comodo avere delle bacheche private:

  • se collabori con qualcuno e ti serve una bacheca per lo scambio di idee;
  • se desideri conservare più discrezione per ambiti che ti interessano, ma non sono funzionali al tuo profilo pubblico;
  • se, prima di lanciare la bacheca, preferisci preparare un buon numero di Pin da pubblicare.

Chiaro, avere o non avere bacheche private è qualcosa che stabilisci tu.

Una volta dato il nome alla bacheca, ti si apre una schermata e da lì puoi cominciare a inserire i tuoi Pin. Nell’immagine qui sotto, si nota chiaramente che Pinterest suggerisce alcune idee (Altre idee), ti permette di organizzare al meglio i contenuti (Organizza) ed eventualmente corredare il tutto da note (Note).

Quest’ultima opzione è comoda se più persone lavorano alla bacheca o se ti vengono in mente delle idee, estemporanee, e vuoi averne in qualche modo una traccia.

Per il momento, quel che ti interessa è la croce in basso, dalla quale ti è possibile creare:

  • Pin Standard;
  • Pin Idea;
  • una Nota;
  • una Sezione.

La Sezione è una bacheca nella bacheca ed è un ottimo strumento per tenere maggiormente in ordine i Pin, se serve. A questo punto, non hai da fare altro che creare i tuoi Pin o i Pin Idea e riempire le bacheche.

Immagina le bacheche del tuo profilo come se fossero degli album tematici. La cura che richiedono riguarda soprattutto alcuni fattori, i quali concorrono alla diffusione dei Pin e alla popolarità del profilo.

Per fare ciò, bisogna andare nei 3 puntini accanto al nome della bacheca (da desktop) o in alto a destra (da mobile) e accedere alla sezione Modifica bacheca. Vediamo su cosa bisogna agire adesso.

Il Nome

Come detto, inserire il Nome della bacheca è indispensabile per crearne una. Non può essere scelto a caso. Volendo, puoi iniziare a lavorare sulla bacheca in modalità privata, ma comunque puoi sempre cambiare il nome quando e come ritieni più opportuno.

Per prima cosa, fatti una domanda: hai deciso cosa devono contenere le tue bacheche? c’è un tema o una sua variante a cui dedicare una di esse?

Senza argomenti, non puoi andare avanti! Fin dall’inizio, è bene avere chiara in mente la “mappa” delle bacheche. Puoi aiutarti con Pinterest stesso.

Come ti dicevo, Pinterest funziona come una sorta di grande motore di ricerca e, di fatto, gli utenti cercano i contenuti che desiderano vedere attraverso parole chiave. Definito questo, è bene che tu faccia una ricerca a proposito degli argomenti che più ti interessano e sui quali intendi creare una (o più) bacheche.

Ad esempio, guarda quanti suggerimenti ti fornisce Pinterest per quel che riguarda le Ricette.

La scelta di creare bacheche diverse e più specifiche è a tua discrezione. Di fatto, le possibilità sono due:

  • se il tuo focus, ad esempio, è esclusivamente la cucina, la cosa più conveniente da fare è creare diverse bacheche, più “verticali”: Ricette vegetariane, Ricette light, Ricette con la zucca e così via;
  • se vuoi utilizzare il tuo profilo Pinterest per diversi argomenti, allora puoi creare una sola bacheca di Ricette, all’interno della quale creare le Sezioni (Ricette vegetariane, light, ecc).

A proposito della seconda ipotesi, però, credo sia doveroso fare una osservazione. Ricorda che nel web è sempre più “premiante” essere chiari e inequivocabili. Cosa troveranno gli utenti di Pinterest nella tua bacheca dedicata alla ricette?

Per intercettare un pubblico più qualificato, devi puntare a un nome non troppo generico. Ti propongo degli esempi, così è più chiaro:

  • Ricette italiane;
  • Ricette dal mondo;
  • Ricette per Dolci.

L’altra carta che puoi giocare, per catturare un pubblico via via maggiore, è la redazione della Descrizione.

La Descrizione

Perché la Descrizione è tanto importante? È importante perché anche le parole chiave inserite in quel breve testo vengono intercettate da Pinterest. Ragion per cui, se scrivi un testo con le parole giuste, chiaro a proposito dei contenuti della bacheca, hai più possibilità che i tuoi Pin vengano visualizzati.

Non ti dimenticare, quindi, di tutte le varianti di cui puoi trattare: le ricette vegetariane, facili, natalizie, per celiaci e via dicendo. Non limitarti a fare un elenco di keyword, ma spiega in modo semplice cosa l’utente trova nella tua bacheca.

A questo punto, ciò che va sottolineato è questo: la cura per il Nome e la Descrizione della bacheca deve essere la medesima cura che hai per ogni Pin pubblicato. Questo vuol dire che gli stessi criteri di cui ti ho parlato si applicano, pari pari, a ogni Pin da pubblicare.

Come ottimizzare le bacheche

Le bacheche di Pinterest hanno il grande privilegio di essere “vive” anche se non le tocchi da un po’. Tuttavia, questo non deve farti credere che tu possa abbandonarle del tutto e ottenere una buona reach o click sui link.

L’ideale sarebbe preparare prima un certo numero di Pin (direi almeno 20) e mandare online la bacheca. Periodicamente, però, ogni bacheca va analizzata e arricchita.

Studia gli Insight

Passando a un account business, puoi monitorare l’andamento dei Pin e delle bacheche attraverso gli Insight. Le statistiche riguardano le singole bacheche e, globalmente, tutti i Pin.

Questo vuol dire che puoi verificare:

  • quali sono le bacheche con l’andamento migliore;
  • quali sono i Pin più visualizzati;
  • quali sono i contenuti più salvati (Salvataggi);
  • quali sono i Pin che generano più traffico verso il blog (Click in uscita)

Le bacheche con il migliore andamento ti suggeriscono quali sono i contenuti che hanno più successo. Chiaro, questo può dipendere da vari fattori e dalla loro combinazione: format grafico azzeccato, trend di settore, stagionalità. Tale informazione, però, si completa senza dubbio con ciò che desumi dall’andamento dei singoli Pin. Ad esempio, io so individuare quali sono le mete a cui il pubblico è maggiormente interessato.

Tuttavia, il fatto che altre bacheche non riscuotono il medesimo successo dipende dagli stessi elementi: quali format hai usato? che tipo di contenuti sono (Pin con link, senza link, Pin Idea?

Nel mio caso, capisco che Pinterest è perfetto per i potenziali viaggiatori. Per chi si occupa di comunicazione digitale è come operare in una nicchia. Per quel che riguarda la letteratura, c’è solo da crescere: la mia bacheca è giovane e contiene solo 3 Pin.

Sperimenta format differenti

In linea di principio, la tua veste grafica dovrebbe essere una e sempre coerente, per ogni Pin e per ogni bachecha. Tuttavia, ti suggerisco, soprattutto agli inizi, di sperimentare. Solo variando i format e mettendo i risultati a confronto puoi individuare quello che attrae maggiormente il pubblico.

Arricchisci le bacheche di contenuti

Una strategia molto utile, a cui ho già accennato in questo blog post sull’utilità di Pinterest per i blog, è indirizzare allo stesso articolo attraverso diversi Pin. Questo vuol dire che devi accompagnare ogni contenuto di testo con più contenuti visuali.

[Quando inizi a entrare nella mentalità di Pinterest, verrà automatico: scatterai foto per il blog e Facebook, foto per Instagram e Pinterest.]

Insomma, non commettere l’ingenuità di dedicare un solo Pin allo stesso articolo. Puoi agire in due modi differenti, entrambi funzionali:

  • inserisci più Pin che indirizzano a un articolo nella stessa bachecha;
  • in Bacheche diverse inserisci diversi Pin, che rimandano allo stesso articolo.

Ad esempio, pubblichi una ricetta a base di zucca e senza carne né derivati del latte. Puoi associare al blog post dedicato più Pin, come un Pin da inserire nella bacheca Ricette vegane, un Pin in Ricette light e, addirittura, in Ricette a base di zucca oppure autunnali.

Se fai i conti, hai 4 Pin per articolo: almeno 4 possibilità che il contenuto venga intercettato dal pubblico, salvato ed eventualmente ripreso per approfondire sul blog.

Sfrutta molto i Pin Idea

I Pin Idea sono una delle più recenti novità di Pinterest. Equivalgono alle Storie di Instagram, ma godono di una caratteristica: non spariscono, se non li elimini. Sono effettivamente molto spinti dalla piattaforma, infatti raccolgono numerose visualizzazioni – un numero nemmeno paragonabile, se confrontato con le Impression dei Pin Standard.

Sono contenuti che non puoi linkare, però danno così tanta visibilità al profilo che la crescita, anche in termini di follower, avviene. Lenta, ma c’è.

Interagisci con i Pin degli utenti

La velocità con la quale riesci a costruire il tuo seguito è influenzata anche dalla tua propensione a interagire con gli utenti della piattaforma.

Ti ricordo che Pinterest è un social network anomalo, in tal senso, perché non è molto orientato allo scambio diretto tra utenti, però permette di reagire sui Pin e di salvare qualsiasi contenuto. È un dato di fatto, tra l’altro, che se dedichi attenzione ai Pin altrui, la piattaforma di fatto ti premia.

La “comodità” di Pinterest resta il modo in cui puoi organizzare il lavoro. Se per qualche giorno non accedi al tuo profilo, nessuno ti punirà. Il mio consiglio è il seguente:

  • pubblica almeno 2 o 3 Pin Idea a settimana;
  • pubblica i Pin Standard per gli articoli che pubblichi, periodicamente;
  • fai un check mensile delle bacheche e arricchiscile di nuovi Pin per spingere il blog.

Questo è, a grandi linee, il minimo che puoi fai ogni mese con Pinterest. Spero che questo articolo ti sia stato utile! A presto,

Bruna Athena

Condividi l'articolo se ti è piaciuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.