Home » Viaggi » Europa » Tre cose divertenti che rifarò

Tre cose divertenti che rifarò

tre cose divertenti che rifarò

Dai grandi musei ai grandi vulcani, tre cose divertenti che rifarò.

Qualche settimana fa, sfruttando sfacciatamente il titolo di uno scritto di David Foster Wallace, ti ho rivelato quali sono per me le tre cose divertenti che non farò mai più. Questa volta, invece, voglio parlarti di alcune esperienze fatte in viaggio che rifarei molto volentieri. È vero che il mondo è grande e che non basterebbe una vita intera per vederlo tutto, ma scommetto che anche per te ci sono luoghi in cui torneresti senza indugio, dove ti sei divertito o ti sei emozionato fortemente. È per questa ragione che oggi ti parlo delle mie tre cose divertenti che rifarò.

L’escursione sull’Etna

Una delle ragioni che mi ha portata a scegliere Catania come meta del mio secondo viaggio in Sicilia è stata proprio la possibilità di organizzare una gita sull’Etna. Da amante dei vulcani, non potevo lasciarmi sfuggire l’occasione di farlo, una volta giunta in città. Al momento, quell’escursione è stata una delle cose più divertenti che abbia fatto, benché sia stata una visita di poche ore e per nulla impegnativa. Sono rimasta affascinata dai paesaggi vulcanici dell’Etna, che sembrano deserti ad alta quota. Mi è piaciuto esplorare le grotte sotterranee, osservare la piante che crescono in questi terreni scuri e polverosi, incontrare qualche esemplare di fauna locale – noi abbiamo visto una bellissima volpe. Non appena ne avrò di nuovo l’occasione, organizzerò una seconda escursione e questa volta per vedere molto di più e salire ancora più in alto!

escursione sull'etna

La visita al Museo D’Orsay

claude monet al museo d'orsay

Benché a Parigi non abbia ancora visitato il Louvre, cosa che farò, un mio desiderio sarebbe visitare nuovamente il Museo D’Orsay. Sono passati ormai 10 anni dalla prima visita e ho voglia di rivivere l’emozione provata quando ho potuto finalmente vedere alcune opere dei miei pittori preferiti: gli Impressionisti e Vincent Van Gogh. Per le cose belle il tempo e le occasioni non bastano mai, e in futuro mi concederò altre minuti ad osservare le ninfee di Monet e le ballerine di Degas.

Le passeggiate al Parco Nazionale del Pollino

escursione al parco del pollino

Il 1° maggio scorso l’abbiamo trascorso in montagna, immersi nel verde, e non potevamo fare scelta migliore! Della nostra gita al Parco del Pollino ti ho parlato subito dopo e ribadisco che è il parco nazionale più esteso d’Italia, per cui abbiamo visitato solo alcuni siti sul lato lucano. Ho scoperto che sul versante calabrese c’è un incantevole campo di lavanda: sembra di essere in Provenza! Naturalmente, c’è tanto altro da fare e vedere. Per fortuna il Pollino non è distante dalla Campania e fare una gita di un giorno è assolutamente fattibile, ma ci è piaciuto così tanto che ci piacerebbe trascorrervi almeno un weekend.

A ripensarci, tutto sommato, ci sono anche altre cose che rifarei, ma è di queste tre che desideravo parlarti. E tu dove ritorneresti? Quale esperienza di viaggio rifaresti ancora una volta?

A presto!

Condividi l'articolo se ti è piaciuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.