Home » Viaggi » Italia » Campania » Visita al Chiostro di Santa Chiara a Napoli: orari e prezzi

Visita al Chiostro di Santa Chiara a Napoli: orari e prezzi

Chiostro di Santa Chiara: visita, orari e prezzi

Il Chiostro di Santa Chiara a Napoli è un sito del centro storico, situato tra Piazza del Gesù e Piazza San Domenico, ed è forse uno chiostri maiolicati più belli d’Italia e un sito tra i più interessanti della città.

È un luogo a cui sono personalmente molto legata. Per ragioni affettive, torno spesso in basilica e, quando mi è possibile, rivisito il chiostro.

Scoprirai che, una volta dentro, il fermento e la confusione del centro storico partenopeo non sono che un vago ricordo.

La storia del Chiostro di Santa Chiara e del complesso monumentale

Il Chiostro maiolicato fa parte di un più ampio complesso monumentale, che ruota attorno a una delle basiliche più belle di Napoli. Attualmente il complesso comprende:

  • basilica di Santa Chiara;
  • chiostro maiolicato o delle Clarisse;
  • chiostro di San Francesco, chiostro dei Frati Minori e chiostro di servizio;
  • Museo dell’Opera di Santa Chiara;
  • area archeologica.

Non tutto il complesso è visitabile. È possibile entrare liberamente in basilica, per accedere poi alle altre aree del complesso: il chiostro maiolicato, il Museo dell’Opera e l’area archeologica.

Chiostro maiolicato di Santa Chiara: la storia

La Basilica di Santa Chiara

La Basilica di Santa Chiara nacque in epoca angioina, nel Trecento, per volontà del re Roberto d’Angiò e di sua moglie, la regina Sancia di Maiorca.

Venne ben presto intitolata a Santa Chiara, quindi il monastero ospitò le monache clarisse e poi i frati minori.

Era a tutti gli effetti il centro del movimento francescano a Napoli e, al suo interno, operarono Tino da Camaino e Giotto.

Basilica di Santa Chiara, Napoli

In epoca successiva, la basilica fu trasformata in una chiesa barocca. Come è tornata ad assumere un aspetto squisitamente gotico?

Quando Napoli fu bombardata durante la Seconda Guerra Mondiale, la chiesa s’incendiò: andarono persi il tetto e gran parte delle realizzazioni barocche.

Ad ora, Santa Chiara somiglia molto di più a quel che fu in epoca angioina: una meravigliosa basilica in gotico provenzale.

Basilica di Santa Chiara, interni

Mi piace tanto perché è semplice, illuminata solo dalle vetrate sottili in vetro policromo.

La pavimentazione in marmo, realizzata da Ferdinando Fuga, ha resistito e dà ulteriore luminosità al complesso, in cui spicca il meraviglioso monumento funebre di Roberto D’Angiò, nell’abside.

Purtroppo, degli antichi affreschi giotteschi non è rimasto quasi più nulla.

Il Chiostro maiolicato

Il famigerato Chiostro di Santa Chiara è un’opera del Settecento. Quando fu presa la decisione di rimodernare il chiostro delle clarisse, fu chiamato Domenico Antonio Vaccaro a ben investire le ingenti somme di denaro elargite dalla badessa e dalla regina Maria Amalia di Sassonia (moglie di Carlo III di Borbone) per realizzare l’opera.

Porticato Chiostro di Santa Chiara

Ed ecco che ne è venuto fuori un gioiello barocco che celebra sia le vite dei santi, ma anche le scene di vita quotidiana partenopee.

Il Chiostro di Santa Chiara ha un porticato affrescato con archi a sesto acuto, che rappresentano episodi della vita di San Francesco e altri santi.

Affreschi Chiostro di Santa Chiara

Sfortunatamente, non sappiamo a chi attribuire la loro realizzazione: sono andati persi i documenti al riguardo.

Sappiamo invece che le belle maioliche del giardino rustico sono opera di Domenico e Antonio Massa. I due sono stati abili e celebri ceramisti del Settecento napoletano.

Maioliche del Chiostro di Santa Chiara

Le maioliche rappresentano scene di vita in città e in campagna, ma anche miti e figurazioni allegoriche.

Passeggiare nel chiostro è un toccasana: non sembra nemmeno di essere nel pieno del centro storico di Napoli!

Il Museo dell’Opera

Non sono particolarmente amante dei Musei dell’Opera dei complessi religiosi, ma a volte vi si si trovano delle “chicche”.

Nella fattispecie, nel Museo dell’Opera di Santa Chiara trovi i resti di epoca romana!

Museo dell'Opera di Santa Chiara

Dai, non ti stupirai mica? Noi a Napoli siamo abituati al fenomeno: scava e scava, qualcosa trovi! Come leggerai a breve, al di sotto della basilica e del monastero, sono presenti delle terme pubbliche.

In seguito al bombardamento del 1943 e all’opera di restauro, il complesso termale è tornato alla luce.

Ciò che è stato ricavato dei marmi antichi è adesso esposto nell’area museale.

L’area archeologica di Santa Chiara

L’area archeologica scoperta al di sotto di Santa Chiara è il complesso termale più completo rinvenuto a Napoli, fino ad ora.

L’impianto è più o meno quello classico, costituito da palestra, piscina e ambienti termali veri e propri.

Scavi archeologici di Santa Chiara

Pare che il complesso di Santa Chiara fosse attivo fin dal IV secolo a.C. e che funzionasse per il pubblico – non erano, dunque, terme di privati.

L’area è abbastanza ristretta, ma vale la pena darci un’occhiata.

Potresti trovare interessante anche la visita del complesso monumentale di Donnaregina.

Chiostro di Santa Chiara: orari e biglietti di ingresso

Ad ora, l’ingresso al complesso monumentale di Santa Chiara è possibile con Green Pass. Di seguito, ti riporto gli orari e le tariffe dei biglietti d’ingresso:

  • complesso monumentale: lunedì -sabato 9:30 – 17:30, domenica 10:00 – 14:30 (ultimo ingresso 30 min. prima della chiusura);
  • basilica: lunedì -sabato 8:00 – 12:45 / 16:30 – 20:00, domenica 9:00 – 12:45 / 16:30 – 20:00;
  • biglietto ordinario 6,00€; biglietto ridotto 4,50€ (insegnanti – studenti universitari – over 65, con documento ); biglietto speciale 3,50€ (ragazzi dai 6 ai 17 anni , soci FAI ).

Come ti accennavo in qualche paragrafo fa, il complesso non è del tutto visitabile.

Infatti, esistono ambienti che vengono utilizzati esclusivamente in occasioni di aperture straordinarie serali, matrimoni e congressi.

Chiostro di Santa Chiara, Fontana dei Leoni

Le tre sale di cui parlo sono l’Antico Refettorio, il Chiostro di San Francesco e la Sala Antiche Cappe.

Se ti fa piacere, puoi fare un tour virtuale a 360° dei luoghi appena citati, a partire dal sito ufficiale del complesso di Santa Chiara.

Come arrivare al Chiostro di Santa Chiara

La Basilica di Santa Chiara si affaccia su Via Benedetto Croce, che altro non è se non un tratto della famigerata Spaccanapoli.

La fermata della metropolitana più comoda per raggiungere Santa Chiara in una manciata di minuti è Dante (linea metropolitana 1).

Giunti a Piazza Dante, si attraversa Port’Alba, si prende la destra – Via San Sebastiano – e all’incrocio si prende di nuovo la destra, Via Benedetto Croce.

Hai in un programma un viaggio a Napoli? Vieni a visitare Santa Chiara! A presto,

Bruna Athena

Condividi l'articolo se ti è piaciuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.