Home » Libri » Letteratura straniera » I 5 libri classici da leggere nel 2018

I 5 libri classici da leggere nel 2018

Dalla letteratura inglese alla letteratura russa, i 5 libri classici da leggere durante il 2018.

Di libri da leggere ne ho a centinaia, e non scherzo affatto. Curiosando sui social network (Facebook, Twitter e Instagram), trovi sotto l’hashtag #BookDreams2018 i miei buoni propositi letterari per il nuovo anno, nonché quelli di tanti altri lettori che hanno aderito alla mia iniziativa. Avevo davvero l’imbarazzo della scelta: posseggo tragedie greche, classici del pensiero e della poesia, romanzi cult e robe di puro e semplice intrattenimento. Come ogni anno, però, mi ripropongo di dedicarmi alla lettura di alcuni classici. Ora te li mostro.

I libri classici da leggere nel 2018

Quando mi chiedono se creda che valga la pena leggere i classici, rispondo sempre di sì. Da nessuna parte è scritto che debbano piacerci, e ci mancherebbe, ma che i classci debbano essere letti per me è una verità. I più grandi autori del passato possono ancora dirci molto di noi stessi e dei nostri tempi, pur avendo operato decenni o secoli prima di noi. Si gioca comunque tutto sul campo delle nostre soggettive percezioni e sensibilità: un libro non può fare lo stesso effetto a tutti e allo stesso modo. Su di me vince sempre la curiosità, alla fine della giostra, e preferisco esprimere la mia opinione su un autore con cognizione di causa.
Ho selezionato, quindi, alcuni libri classici da leggere nel 2018. Mi muoverò tra Stati Uniti ed Europa, seguendo un percorso che ha come filo conduttore la ricerca: del tempo, dei ricordi, dell’amore e della libertà. Forse hai già intuito di quali libri si tratta! Sono tutti romanzi che non ho mai letto in vita mia. Nel 2017 mi sono concessa la rilettura di Doppio sogno, di Arthur Schnitzler, mentre quest’anno desidero rileggere L’amante di Lady Chatterley, famigerata opera di uno dei miei autori preferiti, ovvero David Herbert Lawrence, e Dracula.

Ora passiamo ai titoli!

Moby Dick, Herman Melville

Sì, è arrivato il momento di andare alla ricerca della balena! Moby Dick è un romanzo molto discusso, per molti rappresenta una montagna da scalare: posso immaginarlo. Sento che può essere una lettura impegnativa anche per me, ma desidero in ogni caso portarla a termine: sono curiosa di conoscere i tanti significati e le chiavi di lettura che essa offre ai lettori.

Alla ricerca del tempo perduto, Marcel Proust

Per l’enciclopedica opera di Marcel Proust, vale lo stesso discorso di Moby Dick. La differenza è che, a suo tempo, iniziai La strada di di Swann e lo abbandonai dopo circa 150 pagine o poco più. È tempo di riprovarci e forse lo faremo in gruppo. Speriamo bene!

classici da leggere nel 2018
Credits: Mondadori Store

I fratelli Karamazov, Fëdor Dostoevskij

Voglio tornare a leggere Fëdor Dostoevskij e desidero tornare a farlo da una delle opere più apprezzate – per lo meno, so che è un romanzo più che gradito: I fratelli Karamazov. Posseggo una copia digitale dell’opera, che mi è stata regalata, con mia commozione e grande contentezza. Trattandosi di un classico, poi, prenderò il cartaceo. Non vedo l’ora di cimentarmi in questa lettura.

Villette, Charlotte Brontë

Dopo alcuni anni, desidero tornare a leggere Charlotte Brontë: Villette è uno dei romanzi dell’autrice inglese che l’editore Fazi ha ripubblicato in Italia. Villette è il nome di una cittadina immaginaria, che Charlotte Brontë ha creato ispirandosi a Bruxelles. Spero che anche questa storia mi travolga con un messaggio potente come quello che ho recepito in Jane Eyre. Mi aspetto un altro affascinante personaggio femminile da conoscere.

1984, George Orwell

Tra i miei Book Dreams dell’anno, in molti lo hanno notato, figura il celebre romanzo di George Orwell 1984. Alla pubblicazione del mio post sui social network, è stata una pioggia di commenti positivi. Ora mi aspetto molto da questo libro cult della letteratura inglese del Novecento, che a detta di molti ha anticipato i nostri tempi. Chissà, spero di non restarne delusa!

Be’, se dovessi avere modo di leggere anche altri classici ne sarò contenta. Purtroppo e per fortuna, i miei desideri di lettura aumentano man mano che passa il tempo. E tu leggerari qualche classico durante il 2018?

69 commenti su “I 5 libri classici da leggere nel 2018”

  1. Ho in programma I fratelli Karamazov (anche se è un mattone!) E alla ricerca del tempo perduto di Proust. Me ne hanno parlato benissimo!

  2. Concordo! Io ho letto tantissimi classici, sopratutto di letteratura inglese, li trovo adorabili!
    Dei libri che hai consigliato ho letto solo 1984…Orwell era un visionario ma ci ha preso in tante cose!

  3. Tra i #Bookdreams2018 ho inserito Moby Dick e data la sua mole non indifferente ho deciso di iniziarlo subito, ai primi di gennaio. E, come dici tu, in effetti è una montagna da scalare, o almeno un oceano da attraversare a nuoto, per restare in tema (io sono a metà). Ma nonostante non sia “semplice”, la storia mi sta prendendo molto, perché mi intriga moltissimo la figura del capitano Ahab. Invece non ho mail letto 1984 ma lo metterò in lista!

    1. Credo che in pochissimi abbiano letto Villette. Fazi lo ha ripubblicato un paio di anni fa, credo che pertanto tempo non sia stato reperibile.

  4. Stefania Ciocconi

    Sai che Villette non lo avevo mai sentito nominare, la Bronte è famosa soprattutto per Cime Tempestose e io sono tra le poche persone che l’ha trovato noiosissimo e poco avvincente! Di quelli che hai citato ho letto Moby Dick 1 984 che è bellissimo 🙂

    1. L’autrice di Villete è Charlotte; sua sorella, Emily, ha scritto Come tempestose. La prima, ha scritto Jane Eyre, che amo alla follia.

  5. Tranne Villette, li ho letti tutti. Il mio preferito tra questi è stato sicuramente 1984 di Orwell. Lo trovo geniale e futuristico ancora adesso.

  6. Orwell, tra i classici che hai menzionato, è il mio autore preferito, quindi mi aggiungo alla lista di chi ha già entusiasticamente commentato 1984. Se ne apprezzerai la vividezza e la crudezza delle descrizioni, e se ami le atmosfere dalle tinte grigie ma coinvolgenti, ti consiglio un altro capolavoro di Orwell “Fiorirà l’aspidistra”.
    Anche per me i classici sono fondamentali e mi piace affrontarli solo dopo aver letto il contesto letterario, storico e biografico dell’autore… Si aprono mondi incredibili
    Ma toglimi una curiosità, come fate a rileggere un libro???
    Ester

  7. Anch’io all’inizio dell’anno ho sempre una lista molto lunga di libri da leggere nei 12 mesi che verranno, ma spesso non riesco a portarla a termine! Ammetto però che non ci sono inclusi dei classici perché non sono proprio la mia grande passione… 🙂

  8. Proust è stata la mia scelta per la maturità! La stessa professoressa mi ritenne un po’ pazza ma il mio amore per Marcel la vinse e riuscii a parlare del quarto volume dell’opera proustiana.
    Orwell è un altro classico che lessi anni fa, probabilmente senza capirlo sul serio. Magari potrei riprenderlo in mano… gli altri, a onor del vero, mi mancano. Provvederò a rimediare quanto prima. Grazie per i consigli letterari! 😉

  9. Sono 5 classiconi ma mi credi se ti dico che non ne ho letto nemmeno uno? Me ne vergogno ma credo che questo sia dovuto al fatto che, essendo dei libri famosi, ne ho rimandato la lettura. Penso da tempo soprattutto a Moby Dick e a Proust ma anche gli altri non scherzano. Dovrò sbrigarmi: qui non basta una vita!

  10. In questo preciso momento mi sento terribilmente in difetto. Non ho letto neppure uno di questi libri, aiuto! Eppure sono una legge abbastanza! Vorrà dire che dovrò recuperare il prima possibile. Grazie per i suggerimenti! 😉

  11. Concordo con te, non dobbiamo mai smettere di leggere i classici! Anzi, credo che sia sempre più importante di questi tempi..io ho già letto 1984 di Orwell, ma ho in programma Villette della Brontë!

  12. Accidenti ho letto solo 1984 (che tra l’altro è uno dei miei libri preferiti). Gli altri sono tutti in libreria da tempo (nel vero senso della parola perché li ho acquistati tutti), devo solo andare con ordine. Proust è quello che mi spaventa di più…vedremo!

  13. Ho letto solo Moby Dick e 1984, dovrò rimediare gli altri anche se credo quello di Proust sia un po’ pesantuccio. Di certo non da leggere sotto l’ombrellone 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.