Home » Viaggi » Europa » Il mio bagaglio per Amsterdam e Praga

Il mio bagaglio per Amsterdam e Praga

bagaglio a mano amsterdam

Ciao a tutti! Ho deciso di partecipare all’iniziativa dell’autrice del blog L’Orsa nel Carro: #IlMioBagaglioPer. Non devo fare altro che condividere con voi…il mio bagaglio! Ho due partenze all’orizzonte, entrambe per il mese di aprile – no, non sono scaramantica: schiattate pure, tranquilli: Amsterdam e Praga. Siamo a marzo, non è che abbia già di fatto preparato la mia valigia, ma so esattamente cosa vi metterò. Questo post potrebbe avere tranquillamente un altro titolo:

Il mio bagaglio per mete europee in primavera: soluzioni comode salva spazio e salva peso

A furia di avere questo splendido “vizio” di viaggiare, in qualsiasi stagione, ho individuato alcuni capi d’abbigliamento e soluzioni che, al momento, trovo perfette per ridurre il peso del bagaglio – a prescindere, per il peso te lo trascini comunque – e per ottimizzare lo spazio. Soluzioni particolarmente comode, soprattutto se si parte dall’Italia, dove fa tendenzialmente più caldo – almeno a Napoli – per mete europee dove l’estate arriva praticamente a luglio inoltrato. Bene, procediamo con ordine!

Il trolley

Eh sì, lo so che per qualcuno sono ormai obsoleta ed antiquata! A dirla tutta, sono alla ricerca dello zaino da cabina. Non che muoia dalla voglia di portarmi il peso sulle spalle, soprattutto soffrendo a causa degli schiacciamenti vertebrali, ma lo zaino da cabina ti salva il deretano quando le compagnie aeree, arbitrariamente, decidono di imbarcare comunque il tuo bagaglio a mano – cosa successa con Easyjet, partendo per Lione. Si tratta di un acquisto che farò, ma desidero sia oculatissimo. Ergo, parto con un semplice trolley da cabina sia per Amsterdam sia per Praga.

Il piumino ultra leggero e il foulard

Ho deciso di acquistare uno di quei comodissimi piumini ultra leggeri ed ultra sottili, con cappuccio, per partire da Napoli con la mia giacca più leggera – ad aprile farà di certo molto più caldo rispetto alle due capitali europee. Lo metterò piegato in valigia e, all’arrivo, lo inforcherò per affrontare la pseudo primavera del Nord e dell’Est! L’ho acquistato di un bel colore sabbia, così si abbina a tutto: nero, marrone, nero, nero, rosso e verde, nero, rosso e verde… (si vede che amo il nero, il rosso e il verde?).

bagaglio per amsterdam

L’ho acquistato, in saldi, a 10 euro da Zuiki: vi farò sapere se ne sarà valsa la pena. Il foulard lo uso sempre e in ogni dove: preferisco non indossare maglie a collo alto, se fa freddo, e portare con me sempre qualcosa da mettere per tenere al caldo la gola. Nel mio bagaglio non può mai mancare un foulard – a volte ne porto anche più di uno.

Stivali e leggins

Cavolo, le scarpe sono sempre un problema! Meno male che il mio piede è minuscolo e le mie scarpe occupano poco spazio, ma il pensiero di partire con me un solo paio di scarpe non mi alletta: e se piove? se disgraziatamente si rompono? Quest’ultima ipotesi per me è la più drammatica: ho un 33, capite che roba sarebbe trovare un paio di scarpe della mia misura e che non sembrino sfacciatamente da bambina? Parto con gli stivali al piede, in valigia metto un paio di scarpe da ginnastica, da abbinare con scaldamuscoli.

bagaglio per praga

Le città europee sono infami, da un punto di vista climatico, e non si può mai sapere come andranno le cose: la soluzione ideale sono i leggins. Se fa freddo, li indosso con le calze; se non fa poi così tanto freddo li indosso senza. Stivali+leggins = né temperatura né pioggia possono farti paura. Il vantaggio di portare con sé i leggins è duplice: occupano molto meno spazio di pantaloni, jeans e gonne. Ne bastano un paio e stai comoda – pure sexy, se hai il fisico: su di me non mi pronuncio ihihihih

Siamo donneeeee, oltre alle gambe c’è di più! Trucco, strucco e parrucco

Nel mio bagaglio per Amsterdam e Praga non possono mancare i miei trucchi di base – mascara, matita nera, matita bianca – ma, soprattutto, non possono mancare le salviette struccanti. Sono leggerissime, struccano bene, non devo metterle nella busta trasparente. Le salviette struccanti sono una grandissima comodità quando si viaggia. Per quanto riguarda il parrucco, mi riduco semplicemente a forcine e fermagli: solitamente i capelli tengono bene, però non si sa mai se s’acchiappa la pioggia.

salviette struccanti bagaglio a mano

Come provvedere, nel caso? Li lego e non se ne parli più! I miei capelli sono tanti tantissimi e pure piuttosto lunghi: vai di forcine! Sempre che non accada l’irreparabile, non lavo i capelli quando sono fuori per pochi giorni – dovrei portarmi dietro un armamentario intero e non ci tengo -, così preferisco “arrangiare”.

Ecco, queste sono le cose che assolutamente non mancheranno dentro #IlMioBagaglioPer! Ormai il sistema è quasi tutto collaudato, per cui al momento mi sta bene così. Magari tra qualche tempo scopro qualche super chicca: la condividerò con te. Sono curiosa di sapere cosa c’è nel tuo bagaglio! A presto,

Bruna Athena

Condividi l'articolo se ti è piaciuto!

13 commenti su “Il mio bagaglio per Amsterdam e Praga”

  1. Ciao Bruna grazie per aver condiviso con tutti noi i consigli per un viaggio primaverile e “mitteleuropeo”!
    Caspita se avessi il 33 di scarpe andrei in ansia come te sulla questione di portarne un paio di riserva!
    Idem pure io sul lavaggio dei capelli: per 3 massimo 4 giorni non si muore senza shampoo. Io ad esempio arrangio con lo spry a secco.
    Sono stata a Praga lo scorso mese ed è stato bellissimo…ti invidio vorrei tornarci nuovamente!
    Ti seguirò su Twitter e non vedo l’ora di leggere il tuo post.
    Un abbraccio e grazie per aver dato il tuo contributo!
    Daniela

    1. Ciao Daniela! Lo shampoo a secco non l’ho ancora provato; metto in conto, ovviamente, di lavare i capelli quando vado al mare o alle terme, non per girare qualche giorno in città. Ne proverò uno, anche per curiosità. Poi desidero provare lo zaino da cabina 😀

      1. Sisi lo consiglio. Pesa poco ed ha le bretelle che si possono chiudere nella fodera dello zaino quando non servono. L’unica pecca è che le dimensioni superano di qualche centimetro quelle delle compagnie Low cost, ma con le compagnie normali non ho avuto nessun problema.

          1. Ragazze perdonate se mi intrometto, in merito alle misure massime degli zaini da cabina, io ho assistito ad una scenetta proprio all’aeroporto di Praga tornando a Napoli. Bruna se parti da Napoli con Wizz assicurati che il bagaglio rientri nelle misure(mooolto restrittive) altrimenti ti fanno pagare il sovrapprezzo! A Praga è stata un’ecatombe! Un tizio addirittura per principio si è rifiutato di pagare la tassa ed ha abbandonato il trolley nelle mani dei funzionari allibiti! E’ tornato a casa con la roba nelle buste di plastica hahaah!

          2. Ma davvero? A dire il vero, per Praga parto con Lufthansa e faccio scalo in Germania – molto breve: per la date da noi scelte non c’erano diretti. Ad ogni modo, sarò molto attenta: per questo ho detto che deve essere un acquisto molto sensato. Ps: com’è che ti trovavi a Napoli?

          3. Parto solitamente da Napoli perchè abito in provincia di Salerno ;D
            Comunque siamo un sacco penalizzati noi quaggiù. Perchè ad esempio non abbiamo Ryanair con le sue favolose tariffe? Andare a Roma per usufruirne non varrebbe la pena con quello che costano i treni! 🙁
            Un saluto!

          4. Ah ma allora siamo vicine! Beh, ad onor del vero sono partita tante volte da Napoli e prezzi modici: dipende dalle mete e dai periodi. Non siamo più fortunati come prima, quando eravamo studenti e potevamo partire quando ci pareva. Per Amsterdam parto da Napoli con Easyjet, ma com’è già detto da Praga nei giorni a disposizione non c’era nulla: non valeva la pena arrivare fino a Roma, abbiamo preferito i voli di Lufthansa a 200 euro con scalo. Dire che, nel 2009, Lufthansa da Napoli ci ha fatto arrivare a Monaco e tornare con solo 100 euro: mai più visto un volo così economico!

  2. Pingback: Cosa mettere nel bagaglio a mano in aereo - Il Mondo di Athena

  3. Grazie ai consigli di Daniela-Orsa sulle misure da cabina, la capienza, la forma, ecc, mi sono anche io convertita allo zaino, decidendo di abbandonare il trolley. Ho optato per un modello della Lowe cabin-size disponibile su Amazon: non vedo l’ora di provarlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.