Home » Viaggi » Europa » 5 città da (ri)visitare in Europa più di una volta nella vita

5 città da (ri)visitare in Europa più di una volta nella vita

città da visitare

Arte, musica, spettacolo e natura sono le ragioni fondamentali per parlare di 5 città da visitare in Europa per una seconda volta.

Sei mai ritornato in un posto in cui sei già stato? O stai meditando di ritornavi? Certo il mondo è grande e penso che un po’ tutti siamo dell’idea che è più entusiasmante partire per una meta sconosciuta. Eppure sono convinta che tornare dove si è già stati valga la pena – non sempre, ma in alcuni casi sì. Oggi voglio raccontarti di quelle città da visitare anche più di una volta nella vita.

Spero così di esserti d’ispirazione, di farti tornare la voglia di preparare la valigia e partire. E se così è, ti suggerisco di dare un’occhiata alle offerte sui voli di momondo: magari c’è proprio la destinazione dei tuoi desideri!

Le città da visitare in Europa più di una volta

Voglio parlarti di 5 città molto visitate in Europa e tutte diverse l’una dall’altra. Chiaro, non è che non esistano luoghi in Italia in cui non mi piacerebbe ritornare, anzi. Tendenzialmente, però, l’Europa viene preferita dai viaggiatori italiani. E quel che mi preme evidenziare è quanto una meta a suo modo “scontata” proponga esperienze variegate e intense. Magari non tutte queste attività sono poi così distanti dai circuiti turistici, ma rientrano in quei modi di fare esperienza di un luogo più adatto a me, a prescindere da quanto siano o non siano di moda. Siamo pronti?!

A spasso nei parchi di Londra

Di Londra ne sento di tutti i colori: c’è chi la ama e chi non la sopporta. Se dicessi che non ci vivrei mai direi qualcosa di scontato e del tutto fuori traccia. A me Londra piace, ma il flusso di persone che si muove nelle sue strade viola di gran lunga le mie personali norme di sicurezza. Be’, non è questo il punto. Come ho raccontato a proposito dei nostri 3 giorni a Londra, il mio cruccio è stato quello di non aver avuto il tempo di visitare due musei per me must: la National Gallery e il Natural History Museum.

città da visitare: londra
Questo è il Regent’s Park di Londra. Quando il tempo lo permette, i londinesi amano stare nei parchi della città.

E non solo: non ho visitato tutti i parchi della città, benché le giornate fossero meravigliose. Non potuto seguire le orme di tutti gli scrittori inglese e non che hanno vissuto nella capitale britannica. In altre parole, ho fatto esperienza solo di un riassunto striminzito di Londra. Ci sono tanti itinerari da seguire, perché non incamminarsi?

Parigi tra cabaret e l’arte degli Impressionisti

Sono passati 10 anni dalla mia prima e sola visita a Parigi. No, la ragione per tornarci certo non risiede nel fatto che è passato tanto tempo da quando ci sono stata. Louvre a parte – una volta nella vita non vuoi vedere quella cozza della Monnalisa? Suvvia! -, ci sono due ottimi motivi per volare di nuovo verso Parigi: gli Impressionisti e il cabaret. Be’, dei primi ho fatto già una gran scorpacciata, ma il museo D’Orsay per me è una delle meraviglie del mondo e muoio dalla voglia di tornarci.

città da visitare: parigi, pigalle
Credits: Pixabay

Per quel che riguarda il resto, è risaputo che ho amato Montmartre, ma ormai di quel che è stato il quartiere oggi temo non se ne veda nemmeno l’ombra. Leggendo le pagine di Giorni tranquilli a Clichy, Henry Miller ci racconta un Montmartre fatto di cafè e prostitute, uomini che danno tutto quel che possiedono per bottiglie di vino pregiato e donne. Tra questi, lo scrittore americano stesso.
Quel che resta di un passato fatto di esibizionismo, sensualità e provocazione lo si ritrova nel cabaret. Oggi locali come il Moulin Rouge e il Crazy Horse non sono propriamente postriboli: una cena con spettacolo costa anche 200 euro a persona. Eppure, nonostante oggi sia un vero e proprio lusso, una serata al cabaret la trascorrerei – e so che mi divertirei.

Barcellona: un ritorno meno turistico

Per diverso tempo, per anni dovrei dire, di Barcellona ho avuto come una sorta di rifiuto. La mia visita alla città della Catalogna risale a una gita scolastica del 2004. Ne è passato di tempo, direi! Mi piacque, ma forse mi ricordò troppo le nostre città sul mare – Napoli compresa – per colpirmi. Ancora adesso, il grande polo d’influenza su di me della Spagna è l’Andalusia. Poi c’è stato il boom: tutti gli italiani a Barcellona, tutti riversi sulle Ramblas e sulle spiagge di Lloret de Mar.

città da visitare in europa: barcellona

Ho cominciato a sentire la puzza non solo di moda, ma soprattutto di quel modo di fare “vacanza” e spostarsi esclusivamente verso la meta che ti ricorda casa tua. Tuttavia, non condivido nemmeno quell’atteggiamento snob di chi esclude alcune città solo perché sono molto frequentate: ci sono vari modi per vivere un luogo e ognuno sceglie il proprio. Credo che valga la pena ritornare a Barcellona per viverla in modo alternativo, per completare il suo ricordo nella mia memoria con dettagli che prima non ho registrato. Si accettano suggerimenti!

Praga, la musica classica e lo stile liberty

Praga: un tormentone gotico europeo. Impossibile non notarlo, non credi? Praga resta comunque una delle città più affascinanti d’Europa e proprio perché il suo centro storico è a dir poco fiabesco. Eppure i peggiori episodi di insofferenza verso i turisti li ho vissuti lì: non so quante volte gruppi di visitatori orientali (giapponesi o cinesi non saprei dire, forse entrambi) mi hanno urtata e letteralmente trascinata lungo le strade della città. Mai mi è giunta una parola di scuse, in nessuna lingua di questo globo.

praga centro storico

Maleducazione a parte, l’intento di tornare a Praga si nutre di due desideri: assistere a un concerto di musica classica ed esplorarne i dintorni. Infatti, Praga è musica tanto quanto Vienna ed è il centro più visitato della Repubblica Ceca, ma di certo non il solo che merita attenzione. Guardate quanto è carina Karlovy Vary per esempio <3

viaggio a praga: gita a karlovy vary
Credits: Pixabay

I musei di Amsterdam e le spiagge dei Paesi Bassi

amsterdam centro storico

Voglio sorvolare sulle “attrazioni” di Amsterdam che attirano ragazzi in viaggio per la maturità e addii al celibato piuttosto grezzi. Amsterdam è stata quella città che ho a lungo sottovalutato e che invece mi ha regalato 3 giorni davvero intensi e piacevoli. L’atmosfera che ho respirato mi ha entusiasmata e questo ha fatto sì che rivedessi il mio giudizio sulla città.

viaggio ad amsterdam: visita al rijksmuseum
Credits: Pixabay

Premesso che tra meno di un anno potrebbe presentarsi l’occasione di ritornarci, in ogni caso sono due le ragioni che mi spingono verso Amsterdam: il Rijksmuseum, che non ho visitato ancora, e il Parco Nazionale delle Dune dell’isola di Texel, il quale dista poco meno di 2 ore dalla città. Insomma, un viaggio ad Amsterdam è una bella full immersion in arte e natura.

Bene, per il momento questo è quanto. Al momento non ho nulla in programma, ma non si può mai dire: magari all’ultimo momento dobbiamo fare i bagagli di corsa 😉

A presto!

Condividi l'articolo se ti è piaciuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.