Home » Viaggi » Europa » Viaggio a Lione: da Vieux Lyon a Fourvière a Place des Terreaux

Viaggio a Lione: da Vieux Lyon a Fourvière a Place des Terreaux

viaggio a lione

Ciao viaggiatore, oggi finalmente potrai leggere il mio racconto di viaggio a Lione, città della regione francese Rodano – Alpi, attraversata dai fiumi Rodano e Saona. Ho trascorso nella città francese il Capodanno, assieme al moroso e una coppia d’amici. La scelta non è stata propriamente voluta: abbiamo scelto quella che era, al momento, la soluzione di viaggio più economica.

Il viaggio a Lione non era nei miei desideri, ma non perché snobbassi la destinazione. Non ne sapevo nulla della città, per cui non mi sarebbe venuto in mente di andare a visitarla. Beh, è bello anche andare un po’ alla cieca. Per quel che mi riguarda, sono partita con l’intenzione di lasciare che Lione mi si rivelasse: non ho voluto indagare troppo prima di partire, per non rovinarmi l’effetto sorpresa.

Viaggio a Lione: alla scoperta della Vieux Lyon e dei buchon lyonnais

Abbiamo avuto la fortuna di soggiornare in un grazioso appartamento* situato proprio in una delle strade principali di Lione, ossia Rue St. Jean. Il centro storico della città, altrimenti noto come Vieux Lyon, è a dir poco carinissimo. La sua particolarità è quella di essere un fitto quartiere di stradine e palazzetti colorati, con tetti grigi. A vederlo dall’alto, è un agglomerato apparentemente disordinato di comignoli e finestrelle, la cui ulteriore caratteristica è quella di essere pieno di traboules: passaggi tra una strada e un’altra, attraverso i vari edifici, che ti permettono di accedere a cortili e ad atri, da cui puoi anche ammirare la struttura interna delle costruzioni.

vieux lyon

La Vieux Lyon può anche essere un dedalo! Lungo le strade del centro storico si trovano tante pasticcerie e un’infinità di tipici bouchon lyonnais: non si tratta di ristoranti, quanto di trattorie che propongono i piatti tradizionali della regione e di Francia. Hanno fatto proprio al caso nostro, visto che siamo buone forchette e ci piace assaggiare le cose tipiche. Siamo stati per due volte da Le Laurencin: con un menù di 20 euro, abbiamo scelto quattro portate e non siamo mai riusciti a finire le pietanze: tutto buono, abbondante e piuttosto pesante!

dove mangiare a lione

Le quiche di Lione sono ottime, anche perché la regione produce formaggi piuttosto gagliardi: le consiglio agli appassionati dei sapori forti, ma non sono economiche.

Da Place des Terreaux a Fourvière

Allontanandosi dalla collina e dalla Vieux Lyon, attraversando il fiume, si arriva nella città più moderna, più chic. In questa zona Lione assume quell’aspetto spiccatamente francese ed elegante, quello che ricorda Parigi, per capirci. In questa zona, sorgono alcune delle più grandi piazze di Lione: Place Bellecour, in cui si trova la ruota panoramica e da cui puoi vedere la Basilica di Notre Dame de Fourvière, e la splendida Place des Terreaux. In questa zona così maestosa, siamo giunti dopo una passeggiata alla Croix Rousse, dove abbiamo invano cercato i famigerati murales. Place des Terreaux è bellissima, con la sua grande fontana, l’Hotel de Ville e Musée des beaux-arts. Nei dintorni c’è l’Opera e la lunghissima strada dello shopping, Rue de la Republique.

lione place des terreaux

Ho nominato Notre Dame de Fourvière: la basilica è in collina, raggiungibile a piedi o con la funicolare da Vieux Lyon. Domina la città dall’alto, tant’è che è visibile più o meno da qualsiasi altro luogo panoramico di Lione. Ci salutava la sera quando andavamo a letto e la mattina al risveglio: la nostra camera ci regalava questa caratteristica visione della basilica.

lione fourviere

A pochi passi da Fourvière si trova il Museo gallico-romano, con l’annesso anfiteatro romano, mentre il divertente Museo delle Miniature e del Cinema si trova proprio lungo Rue St. Jean, percorrendo la quale è possibile arrivare anche alla cattedrale di Saint Jean.

Distante dal centro, si trova il più grande parco di Lione, il Parc de la Tete d’Or. Luogo che merita una visita col sole, di certo non nelle uggiose ed umide giornate che abbiamo trovato a gennaio, ha un laghetto navigabile, audaci oche che passeggiano e richiedono cibo a gran voce, ampi spazi per praticare sport o semplicemente leggere in tranquillità.

lione parc de la tete d'or

Viaggio a Lione: altre cose da fare, da vedere ed informazioni utili

Il nostro viaggio a Lione, tutto sommato, è stato piuttosto breve. Questi pochi giorni mi hanno fatto capire che Lione è una città abbastanza vivace, per quanto non possa essere Parigi. Credo che dipenda dal fatto che è una città universitaria e attira molti giovani. Tranquilla ed ordinata, è ricca di culturalmente e credo che nasconda tante altre piccole meraviglie. Quel che ti ho detto in questo racconto di viaggio a Lione è davvero poco rispetto a quanto avrei potuto dirti, se avessi avuto modo di stare per più giorni.

Se sei un estimatore di Saint Exupery, potresti andare alla scoperta dei luoghi dell’autore de ll piccolo principe oppure scoprire qualcosa dei fratelli Lumière, a cui Lione è legata. Ami l’arte contemporanea? Fai visita al Museo delle Confluenze! Se hai molti giorni a disposizione, prendi il treno per una escursione a Grenoble. Se sei un amante della neve, da Lione puoi spostarti verso le località sciistiche. Se hai più orientamento di noi, cerca di scovare i trompe d’oeil: fammi sapere!

La rete di trasporti lionese è molto efficiente e per un soggiorno più lungo di tre giorni ti consiglio la Lyon Card, con la quale ti muovi illimitatamente, con ogni mezzo di trasporto, e puoi entrare gratis o con agevolazioni in numerosi musei. Raggiungi la città dall’aeroporto con il Rhonexpress, il treno veloce che parte direttamente dall’aeroporto. Le tariffe non sono proprio economiche, in quanto si parla di circa 15 euro a tratta, per percorrere poco più di 30 km. Se parti in gruppo, ti conviene prendere il taxi, perché per la stessa cifra o poco più, viaggi comodo e arrivi sotto casa o sotto l’hotel.

Spero che questo racconto del viaggio a Lione ti sia piaciuto! A presto,

Bruna Athena

*soluzione Airbnb

Condividi l'articolo se ti è piaciuto!

10 commenti su “Viaggio a Lione: da Vieux Lyon a Fourvière a Place des Terreaux”

  1. Pingback: Il mio baglio per: Amsterdam e Praga - Il Mondo di Athena

    1. Pure tu per Capodanno? In fondo, non abbiamo visto tantissimo: mi piacerebbe tornarci. Ps: sto cercando di combinare qualcosa in giro per Napoli e Campania con gli altri blogger!

      1. No, allora ci siamo stati in periodi diversi.
        Ero lì lo scorso febbraio ( data di pubblicazione del tuo post).
        Se vi torni, avvertimi che ho un paio di ristorantini tipici da consigliarti..
        Cosa stai organizzando di preciso?
        Se riusciamo a fare qualcosa assieme sarebbe fantastico (anche se, a dire il vero, ultimamente “tengo” sempre da fare).
        p.s. Scrivimi su fb.

        1. Vorrei organizzare dei blog tour, per noi che siamo già sul territorio. Sì, ti scrivo in modo dettagliato su Facebook!

    1. Dici belle foto? Avevo appena ricevuto la reflex, per cui sono stati i veri e propri primi esperimenti! Lione è molto interessante e si mangia benissimo, per prezzi tutto sommato modici – soprattutto se confrontati con quelli di Parigi.

  2. Pingback: 3 città francesi da visitare in primavera

  3. Pingback: Francia: 3 città europee da visitare in primavera

  4. Pingback: Visitare Parigi in 3 giorni - Il Mondi di Athena - Viaggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.