Home » Libri » Letteratura straniera » E non disse nemmeno una parola

E non disse nemmeno una parola

E non disse nemmeno una parola, romanzo dello scrittore tedesco Heinrich Böll (Premio Nobel per la letteratura nel 1972), era uno di quelli di cui non avevo mai avuto notizie e che ho avuto il piacere di conoscere grazie ad un gruppo di lettura focalizzato sulla letteratura contemporanea.

recensione e non disse nemmeno una parola

Come spesso mi accade, anche in questo caso sono stata attirata da quanto riportato nella quarta di copertina: si parla, essenzialmente, di una relazione da ravvivare, un matrimonio a cui dare un nuovo impulso. In E non disse nemmeno una parola puoi seguire le vicende, gli incontri, le riflessioni e i dialoghi di Fred e Käte. Il percorso è penoso, triste, come lo scenario stesso che accoglie i due coniugi. Gradualmente prende forma l’immagine mostruosa che li minaccia. L’esistenza di Fred e Käte è drammaticamente segnata dall’ingombrante presenza della povertà, sotto il peso della quale il loro amore sembra sgretolarsi. Nonostante l’atmosfera densa di desolazione, la volontà dei due di tornar a formare una famiglia è forte e alla fine del tunnel si intravede un timido ma insistente bagliore, credo lo si possa tranquillamente affermare.

 

E non disse nemmeno una parola è un libro consigliato, breve ed intenso, nel quale uno dei più grandi romanzieri del Novecento ha descritto, con realismo e delicatezza, il difficile processo che porta alla restaurazione dell’armonia perduta.

 

Spero che tu abbia apprezzato il suggerimento di lettura, alla prossima
Bruna “Athena”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.